Featured post

Coaching Tips Of The Week

To run with the season, I started posting a weekly coaching tip.  These are lessons that I have learnt over the course of the journey.  Many were hard won lessons, some were observations of mistakes I didn’t have to make myself, some of them are reminders to myself of things I should know better.  They are not in any particular order as they are mostly inspired by something that happened in my training on the day that I wrote it down.  Thanks to Luke Reynolds who did most of the actual writing down.  I think there is something here for coaches at all levels.

#21 – “Use a whistle”

#20 – “It’s my fault”

#19 – “Every season is different”

#18 – “Three Day Rule”

#17 – “Don’t be precious”

#16 – “Listen to pepper”

#15 – “Check the hair”

#14  – “The difference is a tenth of a second”

#13 – “Players don’t like being shouted at”

#12 –  “Shout at the one you are angry at”

#11 – “Shining a light on something creates, not prevents, problems” – Part Two

#10 – “Shining a light on something creates, not prevents, problems” – Part One

#9 – “The quality of practice is directly related to the amount of time you spend thinking about the practice itself, preparation and organization are key.”

#8 – “First, get the team to play as well as they can.”

#7 – “The first time you do anything it is terrible.”

#6 – “The first job of the coach is to make the players want to come to practice.”

#5 – “Everything Is Timing”

#4 – “Coaching is not a theoretical exercise”

#3 – “Take time to smell the roses”

#2 – “The more tired the players, the higher the intensity of practice should be”

#1 – “Never make any judgements on individual players or the team after the first day or week of training”


For more great coaching tips, check out the Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

Advertisements

Coaching Tip Of The Week #22

Be specific

“Be specific’

It shouldn’t come as a surprise to a coach that the words you use when you provide information and / or feedback are important.  Sometimes words that have the same or very similar meanings in normal use, can be interpreted completely differently by players with different perspectives, i.e. all of them.  Or a specific word focuses attention on a different part of the action than you mean to.  Perhaps this is most easily explained using examples.

Example #1 – Middle blockers’ timing.  It is common to hear that middle blockers need to be faster in attack.  It is true that the first tempo attack must be fast.  That is the point of it.  But if a middle blocker is too late getting to the attack position and jumping, they don’t need to be faster.  The more specific instruction is to be earlier.

Example #2 – Read blocking.  The most basic blocking technique is read blocking.  That is the middle watches the setter’s hands, reads where the ball goes and then goes to the spiker who will attack.  So it is normal that if the middle makes a bad decision, the coach will tell them they need to read better.  The more specific instruction is to watch the hands better.

Think about what exactly you mean, and be specific.


The collection of Coaching Tips can be found here.


For more great coaching tips, check out the Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

Coaching Tip Of The Week #21

use a whistle

“Use a whistle”

The classic stereotypical tracksuit wearing, clipboard carrying coach with a whistle around his neck is one that I personally find very annoying and certainly helped me to decide not to carry a whistle for most of the first part of my coaching career.  Luckily getting my players attention was never a problem for me (see meme above) and later on I discovered electronic whistles which require even less effort are also more hygienic.

Whatever the option you choose, the whistle has a couple of very specific uses in practice beyond getting everyone’s attention.  Firstly, every time you serve you should start with a whistle.  The referee’s whistle is actually part of the serving routine and if there is no whistle players cannot properly start their routines.  Secondly, players are attuned to pay attention to a whistle (much like Pavlov’s dog).  If a drill is dragging at any point, or players are dawdling between actions, then a whistle can set the rhythm for the drill better, and with way less stress and effort, than any kind of verbal exhortation or discussion.  Use the whistle to start six actions and you will be amazed how the drill flows better with less dawdling and lack of attention.

Sometimes stereotypes are stereotypes for a reason.  But never carry a clipboard!


The collection of Coaching Tips can be found here.


For more great coaching tips, check out the Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

Allenarsi con i titolari

Uno dei concetti base della pallavolo e di tutti gli sport di squadra, è che più una combinazione di giocatori gioca insieme, meglio giocano insieme. E’ una affermazione abbastanza ovvia e logica che resiste nel tempo. Sapendo ciò, molti (la maggior parte) allenatori di sport di squadra, tendono a fare meno cambi possibili rispetto alla formazione di partenza, prima di tutto per creare affiatamento e poi per trarre vantaggio da questo affiatamento. Una piccola parte di allenatori estremizza questo concetto, concentrando tutto il lavoro o la maggior parte di esso, sui titolari. E’ logico che allenare i titolari è il modo migliore per creare un gruppo affiatato di titolari. Ma è davvero il modo migliore di costruire una squadra?

La mia risposta sarebbe un decisamente no! Il primo punto è che massimizzare le opportunità di allenamento per metà squadra, significa ridurre al minimo le opportunità di allenamento per l’altra metà della squadra. Ciò comporta diversi aspetti negativi per lo sviluppo della squadra.

Primo:  bisogna tenere conto che possono accadere tante cose nel corso della stagione, specialmente infortuni. Se i giocatori del sestetto non titolare non hanno mai l’occasione di giocare nel sestetto titolare, non ci si può poi aspettare che questi, nel momento del bisogno, siano in grado di esprimersi ad alto livello.

Secondo: la motivazione dei giocatori che non giocano mai nel sestetto titolare, in allenamento è sempre minore. Non importa quanto l’allenatore spinga o quanto siano professionali o intrinsecamente motivati i giocatori, a un certo punto la loro motivazione sarà inferiore a quella dei titolari e questo influirà negativamente sul livello dell’allenamento.

Terzo: se l’allenatore crea deliberatamente due gruppi durante gli allenamenti, non può ragionevolmente aspettarsi di avere una squadra unita fuori dal campo e in partita. Se l’allenatore predica la mentalità di squadra, ma non la mette in pratica durante gli allenamenti, non riuscirà mai a creare una squadra.

Ogni cosa che l’allenatore fa, risponde a un compromesso. Se scelgo di dividere la squadra in titolari e riserve, posso aspettarmi che i titolari giochino meglio insieme, a discapito però di un eventuale cambio per infortunio, ostacolando inoltre la costruzione della squadra. Se durante gli allenamenti mischio ripetutamente i giocatori, i titolari impiegheranno più tempo a sviluppare un’intesa ottimale, a discapito della performance. In questo caso però gli altri saranno pronti ad esprimersi al meglio se chiamati in causa e l’unità di squadra e l’intensità degli allenamenti manterranno un livello alto.
Io sono sempre stato un allenatore che preferisce costruire una squadra.


Tradotto da Manuela Erbì

Originali in Inglese qui.


For more great coaching tips, check out the Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

Usa la testa

“Un punto vinto con la testa, vale tre volte”

Molti, molti anni fa, il leggendario allenatore russo Vyacheslav Platonov , fece questa affermazione. In tutti questi anni, io ho sempre interpretato la frase come una spiegazione degli effetti psicologici che possono scaturire quando pensi al tuo avversario durante la partita. Fino a ieri…
E’ capitato che mi sono imbattuto in un video di una partita  del 1984, tra la nazionale sovietica e quella americana. Sul set point del primo set, la star sovietica Alexander Savin usò la testa per giocare la palla, conquistando il punto e vincendo il set per la sua squadra. Ora so che lui [Platanov]  si riferiva agli effetti psicologici che si possono avere conquistando un punto colpendo la palla  con la testa.


Tradotto da Manuela Erbì

Originali in Inglese qui.

_________________________________________________________________________________________________

Read about the great new Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

 

 

Suggerimenti della settimana

Per inaugurare la stagione, inizio col pubblicare dei suggerimenti settimanali sull’allenare. Sono lezioni che ho imparato nel corso della mia esperienza. Molte lezioni sono state imparate faticosamente, alcune sono osservazioni su errori che non avrei dovuto fare. Non sono pubblicate secondo un ordine particolare, ma più che altro ispirate da qualcosa accaduto durante il mio allenamento, nel giorno in cui poi ho deciso di raccontarle in questo blog. Ringrazio Luke Reynolds che ha fatto la maggior parte del lavoro. Ritengo che tra questi suggerimenti, si possa trovare qualcosa per gli allenatori di tutti i livelli.

E molte grazie a Manuela Erbì per le traduzioni.

Originali in Inglese qui.


#13 – “Ai giocatori non piace che gli si urli contro”

#12 – “Urla contro chi sei arrabbiato”

#11 – “Fare luce su qualcosa non previene i problemi, li crea”  – Parte Seconda

#10 – “Fare luce su qualcosa non previene i problemi, li crea”  – Parte Prima

#9 – “La qualità dell’allenamento è direttamente connessa alla quantità di tempo che dedichi a pensare all’allenamento stesso; la preparazione e l’organizzazione sono la chiave.”

#8 – “Primo, fai in modo che la squadra si esprima al meglio delle sue possibilità.”

#7 – “La prima volta che fai qualcosa è terribile”

#6 – “Il primo compito dell’allenatore è fare in modo che i giocatori abbiano voglia di allenarsi.”

#5 – “Tutto è tempismo”

#4 – “Allenare non è un esercizio teorico”

#3 – “Take time to smell the roses”

#2 – “Più i giocatori sono stanchi, più bisognerebbe aumentare l’intensità dell’allenamento”

#1 – “Non esprimere mai un giudizio su un singolo giocatore o su una squadra, dopo il primo giorno o la prima settimana di allenamento”


For more great coaching tips, check out the Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

Suggerimento della settimana #13

“Ai giocatori non piace che gli si urli contro”

A nessuno piace che gli si urli contro. Infatti il normale comportamento delle persone è di evitare azioni che poi portino a sentirsi urlare contro. Sotto questo aspetto, i giocatori non sono diversi dalle altre persone. Ai giocatori non piace che l’allenatore gli urli contro, perciò evitano attivamente azioni che possano metterli in quella situazione.

Si tratta di informazioni importanti per un allenatore. Se un giocatore o la squadra, continuano a fare ciò che l’allenatore non vuole si faccia, portandolo ad esprimersi con rabbia, questo è un segnale importante per l’allenatore. Significa che i giocatori non capiscono in modo sufficiente le istruzioni date o che non sono in grado di eseguirle nella maniera richiesta. Quindi la risposta corretta dell’allenatore non è alzare la voce, ma correggere le istruzioni date e gli allenamenti.

Se urli molto durante gli allenamenti, correggi i tuoi programmi e le tue reazioni. Probabilmente il problema risiede lì.


For more great coaching tips, check out the Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

Suggerimento della settimana #12

“Urla contro chi sei arrabbiato”

Per qualche motivo, nell’ambiente sportivo è considerato appropriato, accetabile e in alcuni casi auspicabile, che l’allenatore prenda a urla i propri giocatori. Nell’ambiente sportivo, ci possono essere alcuni casi in cui alzare la voce è effettivamente la reazione migliore. Per esempio, se l’allenatore percepisce che lo stato d’animo della squadra ha bisogno di essere spronato, a volte urlare porta alla reazione desiderata. Poi ci sono altri momenti in cui, in un clima emotivivamente intenso e stressante, quando gli animi si scaldano, l’allenatore esprime verbalmente la sua rabbia.

Qualunque sia la ragione di fondo, l’allenatore deve assicurarsi che questa rabbia sia rivolta nella giusta direzione. Troppo spesso gli allenatori hanno un capro espiatorio, un giocatore che viene preso a urla, a prescindere dalla situazione. Nella maggior parte dei casi si tratta di un giocatore giovane e, non a caso, il giocatore meno capace di difendersi. Gli allenatori urlano contro il capro espiatorio quando sono davvero arrabbiati con il loro miglior giocatore, ma hanno troppo rispetto (o forse paura) per urlargli contro. Ci sono diverse ragioni per cui è giusto non urlare contro il tuo miglior giocatore, anche se lo meriterebbe, ma non è mai giusto usare un altro giocatore come una sorta di rimpiazzo,  per il solo scopo di farti sentire meglio.