Author Archives: markleb

How Long Should You Practice?

“If player focus is high, you don’t need to practice for a long time. If player focus is low, it doesn’t matter how long you practice.”

I sometimes half jokingly tell journalists that playing a lot of matches in a short time is great for players and bad for coaches, because more games means less practice.  There are lots of kinds of coaches in the world, with many different philosophies and methods.  But whatever the philosophies and methods, these coaches have one thing in common: they all want to train more.  Training more is the solution to all performance problems.

Many coaches see the amount of training they do as a badge of honour.  More training means they are doing more work.  More training means they are doing everything they can to make the team better.  But those coaches are missing the biggest point.  Anders Ericsson’s research is (nearly) always reported as being about the amount of work you have to put in to achieve expertise.  What is (nearly) always ignored is that he describes in fairly minute detail how you have to practice.  Practice is not enough, deliberate practice is required.

The length of practice is (more or less) irrelevant.  What is important is the focus and attention of the players on the practice task.  If focus and attention is high, then the players have a chance to get better.  If focus and attention is low, then (at best) it is just specific conditioning training.  At worst, the coach is creating the perfect conditions for injuries to occur.  Unfocused athletes running around after a single ball in a confined space is when most acute injuries in volleyball occur.

So the solution is clear. If you want to get better, don’t practice more, practice less (better).  That is the key.


Check out the Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

Advertisements

Coaching Tip of the Week #17

don't be precious 2

“Don’t be precious”

Every (good) coach has a unique philosophy, an individual methodology, a particular style of play.  This is only right and normal.  After studying and observing and practicing and learning, every coach will sooner or later come to their own unique way.  When they are working it is only right and normal that the coach will want to impart this unique way on his charges and will understandably be frustrated at failure to achieve that goal.

However, the coach must never forget that the goal of the club which appointed / employed them IS NOT the implementation of that methodology.  The goal of the club is some performance outcome and while the methodology was presumably an important factor in the selection process it is not the goal itself.  Coaches must certainly have faith and trust in their hard won beliefs and be ready to fight for them, but on the other hand the coach can’t be precious about them.  The world is full of unemployed coaches who put their own philosophy ahead of the performance of the team.

The same principle applies to tactics.  Sometimes tactics are great on paper and don’t work in practice.  Sometimes tactics work well with one team, but not another.  Sometimes the same tactics work well in one season, but not in the next.  The coach can’t be precious about tactics either.

There are lots of ways to get to an outcome.  Sometimes the ‘right’ way doesn’t work.  Don’t be precious.  Go and find a way that does.


The collection of Coaching Tips can be found here.


For more great coaching tips, check out the Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

Suggerimento della settimana #7

“La prima volta che fai qualcosa è terribile”

Quando inizi un programma di allenamento pesi, c’è un primo periodo in cui il miglioramento è molto veloce. Sfortunatamente  questo miglioramento non è dovuto all’aumento della forza, ma semplicemente alla comprensione e al miglioramento del gesto corretto. Questa fase viene definita “effetto di apprendimento”.  Solo dopo che questa fase ha avuto luogo, si iniziano a vedere i miglioramenti dati dall’adattamento muscolare attraverso il programma di allenamento.

Questo stesso concetto vale anche in altri ambiti nella sfera degli allenamenti. Per esempio, qualsiasi nuovo esercizio che viene provato dall’allenatore durante gli allenamenti,  comprende un periodo durante il quale singoli giocatori e squadra ne apprendono il funzionamento. A un certo punto la prestazione dell’esercizio migliora significativamente. Non si tratta di un reale miglioramento delle abilità, è solo l’effetto di apprendimento. Ed è importante notare che prima di arrivare all’effetto di apprendimento, la prestazione è terribile. Lo stesso si verifica durante il riscaldamento o le partitelle a tema. Ogni volta che l’allenatore introduce nuovi giochi o nuove esercitazioni, prima di raggiungere l’effetto di apprendimento, la prestazione è pessima.

La lezione è: la prima volta che fai qualcosa durante l’allenamento, non aspettarti prestazioni eccellenti. Rilassati e lascia che i giocatori capiscano come eseguire l’esercizio.


Tradotto da Manuela Erbì

Originali in Inglese qui.


For more great coaching tips, check out the Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

Suggerimento della settimana #6

“Il primo compito dell’allenatore è fare in modo che i giocatori abbiano voglia di allenarsi.”

Ci sono varie ragioni per cui i giocatori si allenano.

Lo fanno perchè lo vogliono i genitori.

Vanno all’allenamento perchè ci vanno gli amici.

Ci vanno perchè sono obbligati da un contratto.

Si allenano perchè lo sentono come impegno personale nei confronti della squadra.

Vanno all’allenamento perchè è quello che vogliono.

Quest’ultima ragione è la chiave. Se i giocatori vanno all’allenamento per una volontà loro, saranno più coinvolti, impareranno di più, avranno prestazioni migliori. Non importa quale sia il livello. Se l’allenatore vuole ottenere il massimo dai suoi giocatori, deve necessariamente creare le condizioni  per cui i giocatori abbiano piacere di allenarsi.

Questo riguarda molti aspetti. L’ambiente deve essere divertente, ma serio. Ci deve essere disciplina, ma non regole fini a sé stesse. L’organizzazione deve essere chiara e precisa, ma si deve lasciare un po’ di libertà di sperimentare. La squadra deve essere al centro dell’attenzione, ma non a discapito dei singoli. Tutto deve avere uno scopo di cui i giocatori devono essere consapevoli.

Fai in modo che i tuoi giocatori abbiano piacere di allenarsi e il tuo lavoro è fatto al 98%.


Tradotto da Manuela Erbì

Originali in Inglese qui.


For more great coaching tips, check out the Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

Suggerimento della settimana #5

 “Tutto è tempismo”

Non si tratta di quanti punti fai, ma quando li fai.

Non si tratta di quanti errori fai, ma quando li fai.

Non si tratta di quanto colpisci forte, alto, veloce, ma di quando colpisci.

Non si tratta di quanto sei veloce, ma di quando arrivi dove vuoi arrivare.

Non si tratta di quanti feedback sei in grado di dare, ma di saperli dare nel momento giusto.

Non si tratta di quanto ti alleni in sala pesi, ma di quando programmi la sessione di allenamento.

E’ tutto tempismo.


Tradotto da Manuela Erbì

Originali in Inglese qui.


For more great coaching tips, check out the Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

Coaching Tip Of The Week #16

“Listen to pepper”

Most teams start practice with pepper*.  It normally takes the form of some kind of throwing and spiking in pairs to prepare the shoulder for spiking.  It then progresses to some easy underarm and overarm passing before the players begin to spike at each other in earnest.  The intensity has a natural progression over the six to ten minutes the drill lasts for, and importantly, you should be able to hear that progression.  As the players go through each stage, the time between ball contacts becomes shorter so noise increases in the gym.  As the players start to spike and ‘defend’ they talk more as they push their teammates to chase down errant balls or joke with them for missing easy plays.  And bodies hitting the floor adds to the overall cacophony.

At all points along the way the coach should be listening for the expected sounds.  A crisp, strong contact of hand on ball when spiking, can indicate a high level of concentration and readiness for practice, just as poor contact can indicate disinterest and fatigue.  Similarly, players who aren’t talking may also be showing their lack of engagement in the practice.

As with Tip #15, this is not a hard and fast rule.  It is a little sign that experienced coaches can pick up on and if addressed early, either by additional verbal encouragement or tweaking the practice plan on the fly, can ensure that the quality of practice always reaches the appropriate level.


*We can have a discussion about the value of pepper and whether it is game like and whether it teaches anything.   But for now, we won’t.


The collection of Coaching Tips can be found here.


For more great coaching tips, check out the Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

Suggerimento della settimana #4

“Allenare non è un esercizio teorico

Molti manuali per allenatori, molti libri e biografie, sembrano insinuare, o dichiarano apertamente, che se l’allenatore si comporta inun determinato modo, allora alcuni risultati sono presumibili. Sfortunatamente non è questo il caso. Non ci sono ricette per allenare e certamente non ci sono risultati prevedibili. Ciò che ha funzionato con una squadra, in una situazione, potrebbe non non funzionare  con un’altra.

Allenare è pratica. L’allenatore deve raccogliere tutte le informazioni possibili e prendere le decisioni al meglio delle sue capacità. Bisogna passare attraverso tentativi ed errori, senza mai fissarsi su una cattiva decisione perchè l’allenatore può prendere più decisioni positive che negatice. Ma ricorda, anche gli allenatori più esperti e di successo commettono ancora degli errori che mai ti aspetteresti da loro.


Read about the great new Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2